Arriva sempre questo momento, puntuale, regolare, costante …
Domenica sera : appuntamento con la mesta amica. mare002.jpg
Il nostro passatempo preferito segue un preciso rituale. Il primo incontro a distanza, mentre termino e ripongo le ultime incombenze della giornata. Sapete … la mia cara mesta amica è molto abile, non sbaglia mai nel sorprendermi al momento opportuno, quando sono più vulnerabile … e allora usa le sue doti di seduttrice e, senza via di scampo, prima mi ammalia , poi mi rende schiavo ed infine mi abbandona. Si avvicina con fare languido, sussurrandomi parole e frasi che non posso evitare di udire … alle quali non posso non pensare … con le quali scrivo libri interi, volumi rilegati di ottima fattura, contenenti l’enciclopedia propedeutica dedicata alla mia mesta amica.

borch.jpgVolume I

…passa un po’ di tempo, qualche foglio viene strappato dal calendario, qualche nuova notifica affissa nella bacheca dei fallimenti, qualche nuovo fascicolo inserito nell’archivio delle occasioni perse… qualcuno nasce, qualcuno muore … qualcuno si ammala, sta male, ma non muore … qualcuno sopravvive … qualcuno

… ci riprova.

Non dovrebbe essere tanto difficile riuscire a racimolare qualche granello di felicità … senza avidità … solo un poco. Abbastanza per avere la possibilità di far fronte ai momenti più difficili della vita … quanto basta per continuare a credere che valga la pena vivere. Non un pizzico di più.
…perché esiste
…perché, in fondo, sarebbe sufficiente volerlo
…perché, in fin dei conti, tutti pensano di meritarla … almeno un po’

E’ davvero strano, comune, ma bizzarro … il modo in cui si rifugge uno stato d’animo, in ogni modo possibile.
All’inizio non vuoi che quella fantastica sensazione sia accomunata a qualcuno che non sia colui/colei che hai appena perso: avverti una sorta di ingiustizia nel modificare troppo facilmente il destinatario di emozioni e sentimenti che reputi così importanti ! …e allora “gambe in spalla” : ci si da alla fuga.

…passa un altro po’ di tempo (quel bast…do che, se avessi qui tra le mai, farei a pezzi !!!) e succede quello che tutti sanno, che tutti si aspettano, che molti purtroppo strumentalizzano : il “dimenticatoio” riprende a funzionare… finalmente non ti senti più tanto in colpa nel ricercare quel tipo di sensazione nei confronti di qualcun altro. Non sopporti che infine sia accaduto, ma a questo punto non puoi più farci nulla.
Mah … in realtà non ti è nemmeno di grossa consolazione il fatto che sopraggiungano nuove complicazioni a sottolineare che avevi ragione a proposito della “raccolta della felicità” … e in conclusione come ti senti? …
Inutile … e ancora con le ali a i piedi!

Annunci