mi è capitato tra le mani per caso …

non so quando e perchè l’avessi scritto … molto è stato perso di quei tempi andati  …

ma mi è parso degno di essere pubblicato.

Sono quelle volte che ti impegni sul serio, perché una volta tanto ci credi, che ti rendi conto di non poter fare abbastanza. Per quanto tu ti prodighi in attenzioni e particolari, i tuoi sforzi saranno comunque vani … ben accetti ed apprezzati, ma inutili. Buoni per il viaggio ma insignificanti per la destinazione …

Non puoi smettere di provarci … e l’origine dei tuoi tormenti dipende solo dalla tua incapacità di arrenderti .

Chissà …?! … forse dipende tutto soltanto dalla tua educazione … da tutte quelle ore passate in compagnia della fantasia romantica … quella in cui non si può arrendersi, perché gli eroi non lo fanno mai … perché gli eroi vanno avanti anche quando tutto sembra ormai perduto … perché gli eroi, nella fantasia romantica, di buona regola, vincono sempre … ma è bello anche quando perdono! In ogni caso il loro vocabolario non conosce la parola resa!!

Tu provi a fare lo stesso …

Dimentichi che tu non sei un eroe … e anche se lo fossi, dimentichi un particolare ben più importante: la realtà ha poco a che vedere con la fantasia romantica! Nella cruda, dura e voglio dire triste, realtà … gli eroi non sono quei pazzi sconsiderati che tanto ammiri … nella cruda, dura e voglio dire triste, realtà … quei pazzi incoscienti fanno paura! Nella cruda, dura e voglio dire triste, realtà … gli eroi passano inosservati … gli eroi vivono nel silenzio … soffrono in silenzio … gli eroi … passano.

 

Se potessi stringere il tuo stesso cuore in una mano e serrare la presa in una morsa tale da farne cessare il battito … lo faresti? Lo faresti se in cambio di quel gesto fosse concessa la salvezza di ciò che hai di più caro? Il romanticismo adolescenziale, che talvolta scorre ancora negli alvei di vecchi fiumi, porta seri propositi di sacrificio … esperienze di lacrime e sorrisi a lottare, scontrarsi e poi fondersi sul medesimo volto. La risposta è si! … Si, lo farei …

Un impeto che ha la forza di un aliseo … capace di gonfiare una vela e spingere una nave oltre i limiti conosciuti, ma inutile e purtroppo controproducente per spegnere un fuoco …

Stringi forte, utilizzi tutta la forza che possiedi … ti concentri per fare in modo che anche l’ultima goccia delle tue energie venga convogliata nella tua mano … l’ultima goccia …

Sul più bello … l’ultima goccia … nel momento culminante … l’ultima goccia ti tradirà …

Prima che tu possa dare la stretta finale che farebbe cessare le tue sofferenze, il tuo cuore … che spinge, che pompa … che conduce e le energie attraverso le tue membra, non sarà più in grado di far arrivare l’ultima goccia, che rimarrà così inutilizzata … buona solo per tenerti in vita, incapace di ucciderti …

La mano gradualmente allenterà la presa … il cuore riprenderà un lento ritmo a scandire i terribili istanti della comprensione … e sarà davvero spaventoso non avere nemmeno la forza per piangere … nemmeno quello …

Quel cuore rimarrà dolorante per lungo tempo … forse il dolore non cesserà più …

Il battito riprenderà regolare regalando nuova forza … nuova speranza … a chi, nonostante abbia capito di non poter raggiungere la propria destinazione in quel dannato modo, non smetterà di provarci … riprovarci …

Annunci